Questa è la storia di come la donna che amo si battè per me sfidando l'oscurità e donandomi la luce di un futuro

Un amore qualunque

👵 - Ciao cara, come va la quarantena? -

👩‍🦳 - Insomma, mi annoio un pochino...-

👵 - Ooook, allora ci vuole una delle care favole della nonna, che dici? -

👩‍🦳 - Ma dai nonna! Non ho più cinque anni! -

👵 - Fidati e ascolta. La favola si intitola:

UN AMORE QUALUNQUE

Tutti i giorni viene qui, si siede al mio fianco, sulla panchina del parco, tira fuori tela e tavolozza, prepara i pennelli e comincia a dipingere

Tutti i giorni la amo

Tutti i giorni vorrei parlarle, ma ogni volta che provo a farlo, solo un leggero fruscio di parole riesco ad emettere, e lei sembra sorda ai miei richiami

Però quando mi guarda sento sciogliersi tutti i sensi; sensi che scorrono come linfa vitale dentro ogni parte di me

Un giorno mi ha perfino ritratto sulla tela

Io facevo il vago, ma in realtà cercavo di mettermi in posa ottimale

Il risultato fu un me rigido e goffo, ma lei, nel dipinto, seppe ritrarre perfettamente la mia anima  

Sì, la amo

Non sarei qui se non fosse per lei

Lei mi salvò la vita...  

 

Successe qualche anno fa, io già da tempo la vedevo passeggiare sull'erba fresca del prato

Era buffa

Con aria stralunata osservava ogni lieve spostamento di mondo: una foglia che cade, una lucertola che sfreccia sotto il sasso, una pallida rosa sfiorita e china su sé stessa...

E il riverbero dell'acqua di fontana zampillante illuminava spicchi di volto, deframmentava e ricomponeva freneticamente la sua immagine così bella e viva  

Mi abituai presto a lei, tanto che tutte le volte che non la vedevo, io restavo solo ad ascoltare il vento e le mie rughe si inspessivano scavando fin dentro la solitudine più cupa

Da quando poi, quella domenica pomeriggio, iniziò a dipingere non ci separammo più

Lei scelse come postazione questa panchina, la nostra panchina

E da allora tutti i pomeriggi, poco prima del rosso crepuscolo, ci incontriamo qui Io, lei e l'ignaro Universo che continua a girare mentre noi restiamo immobili e vicini

Senza parole, non servono

A noi piace la piena melodia del silenzio

L'autunno era arrivato e io mi sentivo come sempre mi sento in questa variopinta fase: pronto a rinnovarmi e forte nel ciclico ripetersi delle stagioni

Era mattina presto e il mio ottimismo non mi permetteva di pensare a nulla che potesse rovinare quella giornata così fresca e perfetta

Poi un gruppo di uomini si avvicinarono, mi guardavano con aria perplessa, annuivano e borbottavano parole a me incomprensibili, poi se ne andarono fischiettando

Ancora ero troppo di buon umore e non diedi peso alla strana vicenda  

Poi arrivò la sera, io attendevo il mio amore, come sempre, quando vidi nuovamente quegli uomini arrivare, avevano affilate armi con sè e puntavano dritto verso di me

Cominciai ad avere paura, restavo immobile e tremante, non riuscivo a capire cosa volessero

Sembrava avessero brutte intenzioni proprio nei miei riguardi

Ma perche? 

Io ancora fermo... E uno di essi sferzò un colpo, violento, deciso

Mi ferì e io cominciai a piangere lacrime dense

D'un tratto, mentre ancora restavo stordito e dolorante, la vidi arrivare

Urlava disperata correndo verso di me, con uno strattone allontanò il mio carnefice e mi abbracciò fortemente, si legò a me con tutto il suo caldo corpo

Era la prima volta che sentivo la morbidezza della sua pelle

Mi calmai e le sue lacrime salate si unirono alle mie

Provarono a dividerci, ma lei non ne voleva sapere, mi stava difendendo senza alcun timore dei loschi uomini armati

Di lì a poco una folla di persone si frappose tra noi e il gruppo assassino, fino a cacciarli via, fino a salvarmi  

Questa è la storia di come la donna che amo si battè per me sfidando l'oscurità e donandomi la luce di un futuro  

Ho quarantacinque anni, la gente mi chiama "Acero"

Ho forti radici, una folta chioma e sono pazzamente innamorato di una donna con cui mai potrò parlare, ma che percepisco e sento fin dentro la mia corteccia

Una donna che quando mi guarda riempie il mio cuore legnoso di beatitudine e, senza neanche io glielo chieda, mi dona ogni giorno la speranza di un futuro colmo di grazia -

 

👩‍🦳 - Facciamo finta che abbia ancora cinque anni... E ci vediamo domani per la prossima favola? -

👵 - Si cara, ma su skipe... Che io ora sono un po' a rischio -

 

SC👩‍🦳